Steven Spielberg … LIBRO

Steven Spielberg … LIBRO

Vivere in un mondo vuoto … vivere in un mondo vuoto, questo il concetto principale della bella canzone Games degli Strokes. Il gioco esistenziale, portato alle estreme conseguenze, può condurre l’essere umano a non avere più punti di riferimento in un mondo che corre il doppio, forse il triplo rispetto a noi, come John Anderton della Precrime. Questo nostro mondo ha avuto tuttavia un cantore d’eccezione negli ultimi quattro decenni, un autore che, sfidando anche i suoi forti traumi, ha saputo creare uno storytelling accattivante, una lanterna magica dominante la fruizione.

Il nostro è Steven Spielberg che, in questo agile studio curato dal docente di Storia del Cinema Andrea Minuz, diventa oggetto analitico su differenti terreni. Dotato di una serie di mini-saggi, il testo sviscera alcuni tra i più importanti testi filmici del regista americano di origine ebraica: Jaws, E.T., Jurassic Park, Schindler’s List, Minority Report, Munich e Ready Player One. Sono questi gli strumenti per affrontare un discorso a largo raggio su un autore capace di riscrivere, riconfigurare il mondo produttivo cinematografico e le strategie narrative del medium cinematografico. La prima parte, gestita personalmente da Minuz, affronta appunto le innovazioni sul versante produttivo, di fatto la capacità di Spielberg di rinvigorire la macchina Hollywood nella seconda metà degli anni Settanta, in un periodo in cui gli Stati Uniti, tra Ford e Carter, sembrerebbero perdere terreno come potenza egemone. Il concetto di brand, la capacità di innovare il linguaggio filmico, la necessità si sopperire al tarlo del low budget con intuizioni geniali e l’implosione del vecchio concetto di identificazione mediante un differente entertainment diventano strumentali a comprendere il fenomeno Spielberg. Tutto il saggio, strizzando l’occhio non solo agli studiosi di cinema ma anche ai semplici appassionati, ha il pregio di raccontarci il fenomeno Spielberg utilizzando sia le strategie di analisi del film ma senza appesantire il tutto con derive troppo analitiche o strutturaliste. Grazie a questo atteggiamento possiamo comprendere anche aspetti più nascosti, intimi del regista nato a Cincinnati nel 1946, come il suo rapporto conflittuale con la figura genitoriale, di fatto paterna. In ogni pellicola di Spielberg questo elemento emerge in maniera evidente, la difficoltà dell’adolescente nel superare l’assenza paterna diventa motore emozionale, tensivo in un orizzonte in cui paura e minaccia, stupore e scoperta, superamento del trauma e maturazione diventano il distillato di ogni pellicola. Quest’ultime si fluidificano in più generi, dal fantasy al racconto storico, dallo sci-fi al film d’avventura, con la chiara esposizione di un altro importante elemento del codice spielberghiano: l’ibridazione di genere. Nel corso del saggio, grazie a contributi importanti come quello di Thomas Elseasser su Schindler’s List o l’indagine sullo sguardo di Davide Persico per Jurassic Park, il lettore si trova a scoprire paradossalmente meccanismi narrativi e di identificazione che sono ormai cifra stilistica in tutto il cinema contemporaneo. Da qui l’ulteriore attestazione dello status di Spielberg, di un autore visto, in passato, come un semplice artigiano, sulla scorta dell’esempio hitchcockiano, divenuto oggi la stella polare del circuito cinematografico con pubblico, critica e mondo universitario dalla sua parte.

L’ultima fase del saggio presenta una ricca filmografia in cui il lettore potrà cimentarsi con i credits di tutte le pellicole, da Sugarland Express del 1974 fino a Ready Player One del 2018. C’era bisogno di uno studio simile in questo periodo storico e con questa tipologia di focus? La nostra risposta è affermativa visto che, nel panorama italiano, non si troverebbero approfondimenti analoghi, con un equilibrio mirato tra analisi linguaggio e dispositivi narrativi, riflessione sul reale e presa di coscienza sui nuovi meccanismi del visibile. Un ulteriore attestato quindi sui games di un regista che ha riempito la macchina cinema a trecentosessanta gradi, furbo nel gestire il suo immaginario quanto epico nella sua continua esperienza.

SEI PIRANDELLO

SEI

Un classico della letteratura e del teatro in questo caso affronta un tempo diegetico ridotto; lo spazio è asciutto e la concentrazione, la pulsione emerge dal corpo degli attori in scena. Il tutto viene condito da un lavoro profondo sui vari registri vocali e sulla lotta in quadro tra le due “fazioni”, con la speranza […]

Joker1

Arthur Fleck e il caos autolesionista

Mentre Gotham City e i suoi cittadini si mostrano nel loro brulicare anonimo, Arthur Fleck parte direttamente dalla sua nevrosi principale, da quella psicoanalisi che sta affrontando ormai da tempo e che sembrerebbe vacillare, perdersi come le tante sigarette fumate e buttate per strada. In realtà, prima del confronto con la psichiatra, lo vediamo oggetto […]

Margot Robbie

Sharon Tate/Margot Robbie: il fantasma dell’opera di Tarantino

In questa nona sinfonia tarantiniana molteplici sono gli elementi che potrebbero essere presi, isolati e analizzati; potremmo soffermarci sull’atteggiamento storico dell’autore, che in questa pellicola si dimostra attento a sviscerare il suo mondo lentamente e con una sorta di malinconia di fondo; potremmo valutare la coppia protagonista tirata a lucido per l’occasione, un Leonardo Di […]

GOT

GOT 8: la sigla, la sceneggiatura e lo spazio

Il processo evolutivo di GOT ha avuto vari passaggi nel corso della sua storia e Close up ha sempre indagato il suo storytelling, tra analisi testuali e approfondimenti. Qui di seguito riportiamo un’analisi settoriale sulle lievi mutazioni di tre ambiti specifici dell’ottava stagione: la sigla, la sceneggiatura e lo spazio diegetico. Tale lettura, lungi dall’essere […]

Captain Marvel1

Captain Marvel … nei cinema

L’eroina, sin dalle prime immagini, ci porta in dote il concetto di “nostos”, quel senso di recuperare un’identità perduta che da Ulisse transita sino al tessuto multistrand targato Marvel. Tra le innumerevoli sequenze, il cameo di Stan Lee, offre infine ai fan un forte, lieto abbraccio emotivo. 1995, pianeta Hala. La guerra tra Kree e […]

Bandersnatch

Bandersnatch … su Netflix

Cosa mi state facendo? – Sono controllato da qualcuno che viene dal futuro – Ora tutti hanno l’illusione del libero arbitrio – Mandami un segno – Non ho io il controllo. Sono tante, innumerevoli le domande del povero Stefan Butler, giovane programmatore in prova alla Tuckersoft, colosso dei videogiochi pronto a lanciare Bandersnatch. È questo […]