SEI

SEI

Un classico della letteratura e del teatro in questo caso affronta un tempo diegetico ridotto; lo spazio è asciutto e la concentrazione, la pulsione emerge dal corpo degli attori in scena. Il tutto viene condito da un lavoro profondo sui vari registri vocali e sulla lotta in quadro tra le due “fazioni”, con la speranza che solo il gioco del teatro, lo sberleffo in scena possa portare alla risoluzione di qualsiasi conflitto.

SEI, adattamento della compagnia Scimone Sframeli dell’opera Sei personaggi in cerca d’autore di Luigi Pirandello, è un viaggio nella dialettica tra fedeltà al testo originale e ricerca teatrale, in termini di esplorazione dello spazio, gesto fisico e dialettica corporale. In questo trittico è sapiente l’equilibrio che si instaura tra le parole, le riflessioni di Pirandello e il lavoro di scavo della compagnia sulle potenzialità di movimento e di resa fisica dell’attore in scena. Condensata in circa settanta minuti, l’opera palesa una prima parte in cui tutta la preparazione dello spettacolo degli “attori” si presenta ritmata, coordinata da movimenti sinuosi, da passaggi di gesto che armonizzano l’atmosfera e da reiterazioni di linguaggio verbale che dondolano lo sguardo. Nel momento in cui i “personaggi” piombano in scena, ecco che tutto viene rimesso in discussione; su questo versante la voce stridula e frammentata del Padre, la maschera da tragedia greca della Madre o la provocazione erotica, quanto disperata, della Figliastra affettano lo spazio, ribaltano il gioco e fanno emergere lentamente la grande stratificazione, filosofica e metateatrale, del pensiero pirandelliano. Anche la lingua, colorata da innumerevoli registri vocali, è lineare, ironica, ancorata al grottesco per il versante degli “attori” quanto graffiante, oscillante, caratterizzata, sul versante dei “personaggi”. Infine la bambina, automa in scena e versante ultimo della disputa, smembra qualsiasi passaggio a vuoto tenendo ferma, ancorata allo sguardo la riflessione e l’emozione dello spettatore.

Presentata per la prima volta al Teatro Valle il 9 maggio del 1921, quest’opera ha rivoluzionato il modo di percepire, sentire il teatro, allargando l’orizzonte e facendo convergere all’interno del “gioco” nuovi valori scenici e attoriali. Con questo adattamento, in scena dal tre all’otto dicembre al Teatro Vascello di Roma, sentiamo il grande lavoro sperimentale di una compagnia capace, con testi originali e un’esperienza più che ventennale, di studiare in profondità i vari nodi del teatro moderno. Come prima esperienza con un grande classico possiamo affermare che il lavoro è di grande qualità; quest’ultima si rintraccia nel rispetto a ciò che deriva dal genio pirandelliano quanto dalla pasta scenica modellata dagli Sframeli e dalle loro maschere.

Joker1

Arthur Fleck e il caos autolesionista

Mentre Gotham City e i suoi cittadini si mostrano nel loro brulicare anonimo, Arthur Fleck parte direttamente dalla sua nevrosi principale, da quella psicoanalisi che sta affrontando ormai da tempo e che sembrerebbe vacillare, perdersi come le tante sigarette fumate e buttate per strada. In realtà, prima del confronto con la psichiatra, lo vediamo oggetto […]

Margot Robbie

Sharon Tate/Margot Robbie: il fantasma dell’opera di Tarantino

In questa nona sinfonia tarantiniana molteplici sono gli elementi che potrebbero essere presi, isolati e analizzati; potremmo soffermarci sull’atteggiamento storico dell’autore, che in questa pellicola si dimostra attento a sviscerare il suo mondo lentamente e con una sorta di malinconia di fondo; potremmo valutare la coppia protagonista tirata a lucido per l’occasione, un Leonardo Di […]

GOT

GOT 8: la sigla, la sceneggiatura e lo spazio

Il processo evolutivo di GOT ha avuto vari passaggi nel corso della sua storia e Close up ha sempre indagato il suo storytelling, tra analisi testuali e approfondimenti. Qui di seguito riportiamo un’analisi settoriale sulle lievi mutazioni di tre ambiti specifici dell’ottava stagione: la sigla, la sceneggiatura e lo spazio diegetico. Tale lettura, lungi dall’essere […]

Captain Marvel1

Captain Marvel … nei cinema

L’eroina, sin dalle prime immagini, ci porta in dote il concetto di “nostos”, quel senso di recuperare un’identità perduta che da Ulisse transita sino al tessuto multistrand targato Marvel. Tra le innumerevoli sequenze, il cameo di Stan Lee, offre infine ai fan un forte, lieto abbraccio emotivo. 1995, pianeta Hala. La guerra tra Kree e […]

Bandersnatch

Bandersnatch … su Netflix

Cosa mi state facendo? – Sono controllato da qualcuno che viene dal futuro – Ora tutti hanno l’illusione del libero arbitrio – Mandami un segno – Non ho io il controllo. Sono tante, innumerevoli le domande del povero Stefan Butler, giovane programmatore in prova alla Tuckersoft, colosso dei videogiochi pronto a lanciare Bandersnatch. È questo […]

spider-man-un-nuovo-universo1-700x430

Spider-Man: un nuovo universo … al cinema

La luce intorno all’eroe si è modificata, ha assunto nuovi connotati mantenendo la tradizione, la memoria. In un gioco spazio-temporale il nostro, giovane e dagli occhi grandi, manda avanti la sua missione aiutato da ciò che rappresenta il fumetto, un grande viaggio spettacolare creato da Stan Lee nei lontani anni Sessanta. Il giovane Miles non […]