Maria by Callas … nei cinema

Maria by Callas … nei cinema

Sin dai tempi di Terenzio, il concetto di “figura”, mutuato poi dal medioevo dantesco, ha inciso fortemente sul rapporto dell’essere umano con il dato culturale. La “figura”, simile quanto diversa dall’”allegoria”, si relazione con il prossimo e lo significa, si fa riconoscere legando fenomeno storico e fenomeno simbolico, si allarga divenendo significante e significato. Qui essa, in continuo gioco tra palcoscenico e vita reale, si mostra “divina” e le immagini in quadro, tra fotografia e super8, certificano lo status iconico.

Anni Settanta. La Divina, Maria Callas, racconta la sua vita a un attento giornalista, immersa in uno studio televisivo e illuminata da una ripresa in bianco e nero esaltante il suo volto sindonico e i suoi grandi occhi espressivi. In questo viaggio della memoria, caratterizzato da un montaggio che alterna riprese video amatoriali, fotografie inedite, lettere e materiale d’archivio, scopriamo i vari passaggi dell’artista capace di riconfigurare e arricchire, in chiave novecentesca, la potenza del belcanto italiano. Dall’infanzia newyorchese allo studio costante e ambizioso con l’insegnante Elvira de Hidalgo, dall’unica lettera d’amore scritta a Onassis ai grandi successi nei maggiori teatri del mondo, dalle performance commoventi ai suoi rapporti con i più grandi intellettuali della sua epoca, dal rapporto con il marito Meneghini alla depressione, ecco che lo spettatore è investito dalla “figura”, in cui il confine tra la reale Maria e la simbolica Callas non lascia impronte, si confonde e significa.

Il documentario, ricco di omeomerie storiche, alterna sapientemente il racconto per immagini, con la voce fuori campo che diventa flusso di coscienza della protagonista, alle performance canore, in cui l’arte della Callas, di fatto una perfetta armonia tra capacità canore e talento interpretativo, esplode in tutta la sua potenza. Giocando e investendo sulla doppia vita della Callas, il regista Tom Wolf procede per contrapposizioni tematiche, visive e analitiche. Da un lato l’artista ambiziosa e padrona della scena, dall’altro lato una donna in continua ricerca della “normalità”; da un lato le riprese amatoriali intime e vivaci, dall’altro le interviste in perfetto stile star system; da un lato le trasformazioni del suo corpo e dall’altro la costante, ciclica incapacità a trovare un equilibrio esistenziale. Su questa tela poi vanno a inserirsi i grandi colori che da sempre hanno reso la Callas una “figura” costante nella nostra cultura, di fatto le melodie di Donizetti, Bellini, Verdi, Rossini e via discorrendo.

L’operazione di Wolf non punta su originali, particolari scelte di linguaggio viceversa si mostra come documento storico caratterizzato da innumerevoli, interessanti e coinvolgenti contenuti visivi. Il tutto non porta a conoscere le reali vicissitudini di Maria quanto a riscontrare la perfetta, studiata e geniale costruzione del personaggio Callas. Che in questa costruzione alberghi un talento unico è infine determinante per condurci a quella “figura” che parte dalla storia per radicarsi in uno spazio simbolico agile ed emozionante.

EE626806-494F-4B6B-8E96-62C10D73E5CF

Ready Player One … dal 28 marzo nei cinema

Che Spielberg sia tra i maggiori narratori per immagini in movimento, un regista con visione e rigore, con epos e drammaturgia, è cosa risaputa; in questo caso “incontra” la penna del best-seller Ernest Cline, uno scrittore formatosi con i suoi film, con quella linearità causa-effetto che pulsa entertainment. La sorte particolare dell’uomo resta il topic […]

BFF4857B-2496-4517-A9A8-12FD65BB062E

Oltre la Notte … nei cinema

La storia dell’umanità ha attraversato varie fasi di terrore: dalla ghigliottina di Robespierre ai gulag sovietici, dal sistema religioso medievale agli attentati di matrice islamica. Qui il terrore si vive negli occhi di una donna, nel tema della perdita in gioco tra un quadro simmetrico e una coinvolgente macchina a mano. Amburgo. Katja perde in […]

0B7C926C-1051-459C-BB4F-F65999799AAB

Ore 15:17 Attacco al treno … nei cinema

Trattiamo di una storia realmente accaduta, di un attentato sventato grazie alla prontezza di tre ragazzi americani, in quel momento in viaggio per l’Europa. Il tutto avrebbe potuto avere una diversa profondità, in termini di storytelling e linguaggio. Solo in America direbbe il Duke di Rocky V, solo che in quel caso muscolarità, patriottismo e […]

B8FC2423-1AC7-4918-9A4B-0895CF43DCBE

Tre manifesti a Ebbing, Missouri … nei cinema

Su una strada deserta, in mezzo alla campagna, ecco che tre punti rossi urlano sete di giustizia e di vendetta. La provincia americana sembrerebbe carica di odio e disperazione mentre il talento attoriale dei protagonisti è vivido, esaltato dalla sceneggiatura e capace di sfornare personaggi dalle differenti, inaspettate dimensioni esistenziali. Una commedia nera che induce […]

AB9F5B70-33B7-4DAB-AFD5-0B165629D62A

Daniele Ciprì: il cinema torni alla riflessione in un mondo governato dalle cartoline

Pur essendo giovane, sul dato anagrafico e nello spirito, Daniele Ciprì potrebbe tranquillamente essere il manifesto di una fetta di storia che Eric J. Hobsbawm ha teorizzato donandole il nome di “secolo breve”. Il Novecento, che sia la pellicola piuttosto che la sala cinematografica, che sia Fellini piuttosto che la musica jazz, diventa, per l’autore […]

2AF6BBF0-C135-476E-B5C9-F00F73908937

Gomorra: terza stagione

In questo terzo capitolo la riconfigurazione è netta e sostanziale: lo è spazialmente, con i luoghi classici che cedono il posto a nuovi scenari; lo è nell’arco narrativo dei protagonisti, con traumi che hanno condizionato in passato e avviluppano le singole traiettorie nel presente; lo è nel nuovo modo di “osservare” la Camorra, di fatto […]

Justice League

Justice League … nei cinema

Cinque eroi, cinque brand in quadro per salvare il mondo e dichiarare l’ottima sinergia tra epos e rigore drammaturgico. L’orizzontalità è classica, prevedibile ma gestita ottimamente e la verticalità, la fluidità dei vari mondi che vanno a coordinarsi, è ben strutturata e non concede più di tanto alla retorica. Quando quest’ultima si palesa non percepiamo […]

Bosch1

Jheronimus Bosch e un nuovo “occhio partecipe”

Quando, intorno al 1450, nasce Jheronimus Bosch, al secolo Jeroen van Aken, siamo in pieno Rinascimento italiano, quella Wiedergeburt che riuscirà a irradiare, con nuovi stilemi in storia dell’arte, anche in Germania, in Francia, in Inghilterra e nei Paesi Bassi. Proprio dall’Olanda arriva questo grande pittore, precisamente dalla cittadina di Den Bosch, situata al confine […]

Stranger Things2

Stranger Things: seconda stagione

Che fine ha fatto, dove si trova Eleven? In questo nuovo reset la sua detenzione è “morbida” e il passato sembrerebbe finalmente prendere forma. Hawkins rinnova il teatro citazionistico con le coppie di significazione pronte a creare diversi subplot legati alla minaccia, al trauma declinati in chiave sci-fi. I giovani protagonisti stanno crescendo e le […]