Ore 15:17 Attacco al treno … nei cinema

Ore 15:17 Attacco al treno … nei cinema

Trattiamo di una storia realmente accaduta, di un attentato sventato grazie alla prontezza di tre ragazzi americani, in quel momento in viaggio per l’Europa. Il tutto avrebbe potuto avere una diversa profondità, in termini di storytelling e linguaggio. Solo in America direbbe il Duke di Rocky V, solo che in quel caso muscolarità, patriottismo e rigore drammaturgico significavano mentre qui si perdono, si sfilacciano.

21 agosto 2015. Sul treno Thalys n. 9364, partito da Amsterdam e diretto a Parigi, ci sono Anthony Sadler, studente alla Sacramento State University, Alek Skarlatos, soldato della Guardia nazionale dell’Oregon e Spencer Stone, sergente della Air Force. I tre, amici da quando erano adolescenti, non sanno che tra pochi istanti diventeranno degli eroi sventando un attacco terroristico organizzato dal ventiseienne marocchino Ayoub El-Khazzani.

Il film è un esplicito tributo all’eroismo americano, a quel profondo senso di dovere primigenio caratterizzante una cultura da sempre descritta egregiamente da Eastwood. Il racconto si muove sfruttando il montaggio alternato e i flashback. Questi ultimi entrano in dialettica con i momenti precedenti all’attentato e ci raccontano le linee esistenziali dei tre amici sin dal periodo della scuola. I giovani adolescenti, che saranno eroi, si colorano continuamente di retorica a stelle e strisce in una messinscena che palesa una leggera stanchezza dell’occhio della m.d.p. di Eastwood. La scelta di utilizzare come attori i reali protagonisti della vicenda non radica lo spettatore nella storia viceversa produce un nocivo straniamento condito da una sceneggiatura precaria, che non affronta le intenzioni dei suoi personaggi ma li presenta e racconta già pronti, già “formati” per “l’impresa finale”.

Tratta dall’omonimo libro, scritto dai tre americani insieme al giornalista di guerra Jeffrey Stones, quest’ultima fatica di Eastwood non riesce ad emozionare e non rispecchia la storia, la tradizione e il talento di uno dei registi più importanti del panorama cinematografico americano e internazionale.

B8FC2423-1AC7-4918-9A4B-0895CF43DCBE

Tre manifesti a Ebbing, Missouri … nei cinema

Su una strada deserta, in mezzo alla campagna, ecco che tre punti rossi urlano sete di giustizia e di vendetta. La provincia americana sembrerebbe carica di odio e disperazione mentre il talento attoriale dei protagonisti è vivido, esaltato dalla sceneggiatura e capace di sfornare personaggi dalle differenti, inaspettate dimensioni esistenziali. Una commedia nera che induce […]

AB9F5B70-33B7-4DAB-AFD5-0B165629D62A

Daniele Ciprì: il cinema torni alla riflessione in un mondo governato dalle cartoline

Pur essendo giovane, sul dato anagrafico e nello spirito, Daniele Ciprì potrebbe tranquillamente essere il manifesto di una fetta di storia che Eric J. Hobsbawm ha teorizzato donandole il nome di “secolo breve”. Il Novecento, che sia la pellicola piuttosto che la sala cinematografica, che sia Fellini piuttosto che la musica jazz, diventa, per l’autore […]

2AF6BBF0-C135-476E-B5C9-F00F73908937

Gomorra: terza stagione

In questo terzo capitolo la riconfigurazione è netta e sostanziale: lo è spazialmente, con i luoghi classici che cedono il posto a nuovi scenari; lo è nell’arco narrativo dei protagonisti, con traumi che hanno condizionato in passato e avviluppano le singole traiettorie nel presente; lo è nel nuovo modo di “osservare” la Camorra, di fatto […]

Justice League

Justice League … nei cinema

Cinque eroi, cinque brand in quadro per salvare il mondo e dichiarare l’ottima sinergia tra epos e rigore drammaturgico. L’orizzontalità è classica, prevedibile ma gestita ottimamente e la verticalità, la fluidità dei vari mondi che vanno a coordinarsi, è ben strutturata e non concede più di tanto alla retorica. Quando quest’ultima si palesa non percepiamo […]

Bosch1

Jheronimus Bosch e un nuovo “occhio partecipe”

Quando, intorno al 1450, nasce Jheronimus Bosch, al secolo Jeroen van Aken, siamo in pieno Rinascimento italiano, quella Wiedergeburt che riuscirà a irradiare, con nuovi stilemi in storia dell’arte, anche in Germania, in Francia, in Inghilterra e nei Paesi Bassi. Proprio dall’Olanda arriva questo grande pittore, precisamente dalla cittadina di Den Bosch, situata al confine […]

Stranger Things2

Stranger Things: seconda stagione

Che fine ha fatto, dove si trova Eleven? In questo nuovo reset la sua detenzione è “morbida” e il passato sembrerebbe finalmente prendere forma. Hawkins rinnova il teatro citazionistico con le coppie di significazione pronte a creare diversi subplot legati alla minaccia, al trauma declinati in chiave sci-fi. I giovani protagonisti stanno crescendo e le […]

Game of Thrones 7

Game of Thrones: settima stagione

Cade per la prima volta la neve a King’s Landig, lo vediamo mentre Jaime consuma il suo “addio” alla leonessa tanto amata; cade anche la parte est di The Wall e si crea quel varco che porta dritto allo scontro finale dell’ottava stagione. Tra missioni suicide, alleanze repentine, enormi balestre, ricongiungimenti sofferti, amori in campo-controcampo, […]

Everything, Everything

Giffoni2017: Everything, Everything

L’amore tra i due giovani sembrerebbe essere ostacolato da una malattia. Quest’ultima condiziona la protagonista ma diventa metafora, allo stesso tempo, del dono dell’immaginazione e della ricchezza della scoperta. Non tutto risulta centrato ma l’andatura è godibile e il messaggio chiaro, pronto per un determinato target. Maddy è una splendida ragazza di diciotto anni, intelligente […]