Notti magiche … nei cinema

Notti magiche … nei cinema

Le notti magiche in questo caso lasciano il posto alle notti, precisamente alla notte spesa interamente in commissariato; intanto l’Italia calcistica è ferma e non si da pace per la lotteria dei rigori contro l’Argentina di Diego. I tre protagonisti sono stati scelti per rappresentare, stereotipare un mondo di mezzo in cui emerge tutta la giovinezza, i sogni, le paure e le frustrazioni di un autore del nostro cinema.

Roma, estate 1990. Mentre si sta disputando la partita dei mondiali Italia–Argentina, tre ragazzi sono convocati in commissariato per l’uccisione del noto produttore cinematografico Leandro Saponaro. Un mese prima i tre giovani sceneggiatori si sono incontrati, nelle vesti di finalisti, al Premio Solinas. Antonino, siculo e intellettuale, ha sviluppato una sceneggiatura su Antonello da Messina, Giovanni, toscano e perennemente arrapato, ha scritto la storia tragica di un operaio di Piombino mentre Eugenia, ricca e depressa, si è ispirata a un attore francese che ama visceralmente. I tre vengono scaraventati nel mondo romano del cinema, tra produttori stanchi, attori falliti, ghostwriter ammucchiati in stanze fumanti, registi spiritati e starlette ingenue. Il loro senso di impotenza a creare, la loro frustrazione lentamente dovrà fare i conti con la realtà, mentre su Saponaro il cerchio va stringendosi.

L’opera di Virzì ci racconta, malinconicamente e con tre personaggi molto stereotipati, una fase di passaggio del cinema italiano. Da un lato i tre giovani sceneggiatori, poco approfonditi ma fortemente riconoscibili in superficie, sono un’espansione simbolica dell’autore, che in loro recupera la sua esperienza, insieme anche alla Archibugi e a Piccolo, di sceneggiatore di belle speranze nella Roma di quel periodo. Di contro il bersaglio diventano coloro i quali hanno fatto grande il cinema italiano ma che ora si mostrano alla m.d.p. stanchi, cinici, affaticati, mefistofelici. Su questo versante il film è una continua citazione selvaggia in cui ritroviamo, evocate, figure come Monicelli, Scarpelli, Risi, Fellini, Suso Cecchi D’Amico. Giocando su un filo sottile tra malinconia e critica, Virzì sembrerebbe non aver trovato la chiave giusta per dosare il suo punto di vista, da qui l’ingresso, nella seconda fase del film, di figure speculari ai protagonisti che non arricchiscono il testo viceversa confondono le acque, non concedono allo spettatore la possibilità di seguire i personaggi, riflettere su quel mondo che sta affrontando una delicata fase di passaggio. Infine la città di Roma, splendida nei totali, risente di un’impossibilità ad emergere come protagonista simbolico e avvolgente.

Parliamo di un film che conosce bene le pulsioni del suo autore, che si mostra interamente come espressione visiva, linguistica di tutto ciò che l’autore ha vissuto; in questa delicata operazione tuttavia si perde organicità, il cinema italiano ne esce con le ossa rotte e i protagonisti non riescono a ritrovare il modo di accompagnare lo spettatore nella loro declinante parabola. Detto questo, una menzione speciale va fatta al talento sconfinato di Giancarlo Giannini, che propone un Saponaro elettrico e ardito che cattura lo sguardo.

Boxe

Boxe Capitale … 20 e 21 settembre nei cinema

Difficile pensare a questo sport senza tuffarsi nelle immagini in bianco e nero, ritrovando il sudore della palestra in quei volti che trasudano sforzo fisico e mentale. Qui il campo è doppiamente circoscritto e abbraccia la città di Roma e i suoi interpreti; il racconto sfrutta elementi classici di genere ma si sostiene con un’originalità […]

Cucchi

Sulla mia pelle … su Netflix

Tra le tante immagini che bombardano il nostro quotidiano, quel volto tumefatto e quel corpo scheletrico, senza vita, di Stefano Cucchi restano un’istantanea che, progressivamente, ha condizionato, interrogato l’opinione pubblica italiana. Una storia tragica e concentrata, un’indagine che, ancora oggi, non trova pace, come la famiglia del ragazzo romano morto il ventidue ottobre 2009 durante […]

MoliseCinema2018 cineframmenti

MoliseCinema 2018: la bellezza del percorso e delle sue declinazioni

Ora che, dopo aver abbracciato una fetta d’estate, siamo pronti a scoprire le sere d’agosto, ecco che un tema, un’immagine rimbalza nella mente: il percorso. Come sostiene la storia, il percorso è stato cangiante per importanti figure carismatiche, da Cesare e il Rubicone passando per Dante e la sua Selva Oscura, ecco che una linea, […]

C383DDAE-C736-4567-AF2D-5DD86FA9B809

Serie TV: Patrick Melrose

Nel famoso romanzo “Memorie di Adriano”, la scrittrice francese Marguerite Yourcenar immagina, mediante l’espediente della lettera, la vita di una delle figure più controverse e gloriose dell’epoca imperiale romana. Nella sua confessione, nelle pieghe del ricordo, Adriano ci racconta della sua passione amorosa per il giovinetto Antinoo, quel ragazzo che sconvolgerà lietamente la sua esistenza […]

Dogman

Dogman: il continuo scavo della m.d.p. su Marcello

Marcello è ormai stanco e forse determinato a “divorare”, nella sua testa e fisicamente, l’aguzzino di una vita. Lo capiamo in una sequenza di rara dolcezza, in un’inquadratura fissa di lui, sulla barca, in compagnia della piccola figlioletta. I due hanno appena finito di fare immersione e sono preda di un lungo abbraccio: lui ha […]

77E3A7A6-F556-4844-8162-CF4861A54C27

Loro 1 – 2: identificazione e pulsione di morte in Sorrentino

Il cinema di Paolo Sorrentino ci offre la possibilità di affondare il nostro occhio all’interno della storia d’Italia; i comportamenti e la maschera dell’Andreotti del Divo, le speranze frustrate e il lucido disincanto di Gep Gambardella, i fallimenti autodistruttivi di Tony Pisapia, le castrazioni emotive di Titta Di Girolamo sono particelle, pennellate della realtà culturale, […]

C835ACDC-F2C8-4FF8-B935-89CF4BF13B92

Maria by Callas … nei cinema

Sin dai tempi di Terenzio, il concetto di “figura”, mutuato poi dal medioevo dantesco, ha inciso fortemente sul rapporto dell’essere umano con il dato culturale. La “figura”, simile quanto diversa dall’”allegoria”, si relazione con il prossimo e lo significa, si fa riconoscere legando fenomeno storico e fenomeno simbolico, si allarga divenendo significante e significato. Qui […]

EE626806-494F-4B6B-8E96-62C10D73E5CF

Ready Player One … dal 28 marzo nei cinema

Che Spielberg sia tra i maggiori narratori per immagini in movimento, un regista con visione e rigore, con epos e drammaturgia, è cosa risaputa; in questo caso “incontra” la penna del best-seller Ernest Cline, uno scrittore formatosi con i suoi film, con quella linearità causa-effetto che pulsa entertainment. La sorte particolare dell’uomo resta il topic […]