La Locandiera … al Teatro Vascello

La Locandiera … al Teatro Vascello

Il paradosso vuole che il nostro non l’amasse particolarmente, ma non il personaggio di Mirandolina, ma la commedia nel suo insieme; Goldoni preferiva altre storie scritte dal suo genio, di fatto quelle opere con maggiori personaggi e più fluide, meno compatte. Qui è tutto segnato e compiuto, dalla protagonista agli antagonisti, dalle posizioni sociali allo spazio, dalla risoluzione finale alla rivelazione del gioco.

Il gioco della commedia goldoniana più rappresentata arriva in questi giorni al Teatro Vascello dal 28 gennaio al 2 febbraio con la compagnia Proxima Rex, in dialettica con la regia di Andrea Chiodi. Quest’ultimo sceglie una messinscena “bianca”, neutra in cui il gioco drammaturgico viene continuamente innescato dal ricordo, da quei pupazzi in scena che riconducono ai Memoires Goldoniani. Quest’ultimi innescano i tre atti e si fluidificano con uno spazio affettato da movimenti, cambi di personaggi e da un lungo tavolo centrale che metaforizza il gioco, il detto e il non-detto, il prima e il dopo, il visto e il non-visto. Sui lati della scena e in fondo troviamo simmetriche file di abiti, costumi che serviranno a dare ritmo allo spettacolo e consentire così ai personaggi di non uscire mai dal quadro, perché tutto deve palesarsi di fronte all’occhio dello spettatore.

Sul versante narrativo resta lo schema classico, con Mirandolina vero personaggio a tutto tondo, il misogino Cavaliere di Ripafratta che entra maggiormente in contrasto con lei e le due “frecce” da commedia rappresentate dal Conte d’Albafiorita e dal Marchese di Forlipopoli. Il primo ha una recitazione drastica e scontrosa, il secondo vive di versanti effemminati e da intonazioni vocali che suscitano immediatamente la risata. I personaggi di Ortensia e Dejanira si condensano in uno studio sui movimenti e sulle “acrobazie” drammaturgiche, da qui il gioco metateatrale e l’aiuto nella gestione del ritmo. Infine Fabrizio collega tutto il mondo della protagonista e sarà l’ultimo elemento tematico a chiudere il cerchio.

Mirandolina, la Mirandolina di Chiodi, è una donna indipendente, un personaggio forte e sfrontato, che lascia per strada molto del dibattito sulle classi sociali tanto caro a Goldoni e procede lungo la matrice dell’individuo, lungo la scia dell’indipendenza femminile e del gioco sensuale, a tratti provocatorio, che la condurrà alla scelta finale. Quest’ultima è di stampo classico perché parliamo di un testo classico e tutto risulta lieto e coerente.

Spielberg 1

Steven Spielberg … LIBRO

Vivere in un mondo vuoto … vivere in un mondo vuoto, questo il concetto principale della bella canzone Games degli Strokes. Il gioco esistenziale, portato alle estreme conseguenze, può condurre l’essere umano a non avere più punti di riferimento in un mondo che corre il doppio, forse il triplo rispetto a noi, come John Anderton […]

SEI PIRANDELLO

SEI

Un classico della letteratura e del teatro in questo caso affronta un tempo diegetico ridotto; lo spazio è asciutto e la concentrazione, la pulsione emerge dal corpo degli attori in scena. Il tutto viene condito da un lavoro profondo sui vari registri vocali e sulla lotta in quadro tra le due “fazioni”, con la speranza […]

Joker1

Arthur Fleck e il caos autolesionista

Mentre Gotham City e i suoi cittadini si mostrano nel loro brulicare anonimo, Arthur Fleck parte direttamente dalla sua nevrosi principale, da quella psicoanalisi che sta affrontando ormai da tempo e che sembrerebbe vacillare, perdersi come le tante sigarette fumate e buttate per strada. In realtà, prima del confronto con la psichiatra, lo vediamo oggetto […]

Margot Robbie

Sharon Tate/Margot Robbie: il fantasma dell’opera di Tarantino

In questa nona sinfonia tarantiniana molteplici sono gli elementi che potrebbero essere presi, isolati e analizzati; potremmo soffermarci sull’atteggiamento storico dell’autore, che in questa pellicola si dimostra attento a sviscerare il suo mondo lentamente e con una sorta di malinconia di fondo; potremmo valutare la coppia protagonista tirata a lucido per l’occasione, un Leonardo Di […]

GOT

GOT 8: la sigla, la sceneggiatura e lo spazio

Il processo evolutivo di GOT ha avuto vari passaggi nel corso della sua storia e Close up ha sempre indagato il suo storytelling, tra analisi testuali e approfondimenti. Qui di seguito riportiamo un’analisi settoriale sulle lievi mutazioni di tre ambiti specifici dell’ottava stagione: la sigla, la sceneggiatura e lo spazio diegetico. Tale lettura, lungi dall’essere […]

Captain Marvel1

Captain Marvel … nei cinema

L’eroina, sin dalle prime immagini, ci porta in dote il concetto di “nostos”, quel senso di recuperare un’identità perduta che da Ulisse transita sino al tessuto multistrand targato Marvel. Tra le innumerevoli sequenze, il cameo di Stan Lee, offre infine ai fan un forte, lieto abbraccio emotivo. 1995, pianeta Hala. La guerra tra Kree e […]