Grandi bugie tra amici … nei cinema

Grandi bugie tra amici … nei cinema

Quando arriva il giro di boa, ecco che tutti gli istinti sembrerebbero prendere il sopravvento sulla ragione, a costo anche di non rendersi conto del valore delle piccole cose. In un mondo borghese fatto di memoria e tempo che scorre, qui il protagonista sembrerebbe avere un unico pensiero fondamentale in testa e il mondo che si muove intorno, che lo sfiora e lo avvolge, vorrebbe invece tutto il contrario.

Il ristoratore Max fra tre giorni compie sessant’anni. Il problema è che il nostro è avvolto dalla depressione, visto che è sull’orlo della bancarotta e ha deciso di vendere la sua casa al mare, teatro di dolci ricordi e alcova di significati profondi. A rovinare il suo convinto desiderio di solitudine ci pensano gli amici di vecchia data, che piombano, con prole e affini al seguito, per festeggiarlo dopo tre anni di dissapori e incomprensioni proprio nel luogo tanto caro. La sorpresa, mal digerita quanto irritante all’inizio, diventerà tuttavia un’occasione per Max per riavvolgere il nastro dei suoi ultimi tempi, immaginando non più una via di fuga dalla realtà quanto un’occasione per dover per forza di cose ricominciare a vivere.

Il plot gioca tutte le sue motivazioni sul perno Max; quest’ultimo fa ruotare poi le varie traiettorie dei tanti personaggi in quadro. Gli amici si muovono in questo luogo vacanziero recuperando aspetti del passato e chiacchierando amabilmente tra un bicchiere di vino e del sesso sporadico. Giocando sui toni della tipica commedia francese, fatta di battute eleganti e sottile ironia, i caratteri che emergono ci raccontano di un gruppo di quarantenni che lambiscono continuamente desiderio represso e frustrazione, presa di coscienza e rimpanto. Tra questi abbiamo caratteri molto stereotipati e ben istruiti a edificare il mondo borghese, di fatto l’attore di successo, la donna radical di talento perennemente frustrata, la coppia separata con figlio a carico e il nuovo amante di lui e via discorrendo. La storia si mantiene con un buon ritmo e buone trovate a incastro salvo poi presentare un finale molto prevedibile, con il protagonista che chiude un cerchio sofferto.

Non lasciatevi ingannare dalla traduzione italiana, in realtà questa commedia, sequel di Piccole bugie tra amici, è un inno al ritrovarsi e al comprendersi anche a distanza di tempo. Le bugie servono solo a creare degli inneschi narrativi ma lasciano poi il campo alle varie verità esistenziali. Un film godibile e ben strutturato dall’andatura lineare quanto coerente.

GOT

GOT 8: la sigla, la sceneggiatura e lo spazio

Il processo evolutivo di GOT ha avuto vari passaggi nel corso della sua storia e Close up ha sempre indagato il suo storytelling, tra analisi testuali e approfondimenti. Qui di seguito riportiamo un’analisi settoriale sulle lievi mutazioni di tre ambiti specifici dell’ottava stagione: la sigla, la sceneggiatura e lo spazio diegetico. Tale lettura, lungi dall’essere […]

Captain Marvel1

Captain Marvel … nei cinema

L’eroina, sin dalle prime immagini, ci porta in dote il concetto di “nostos”, quel senso di recuperare un’identità perduta che da Ulisse transita sino al tessuto multistrand targato Marvel. Tra le innumerevoli sequenze, il cameo di Stan Lee, offre infine ai fan un forte, lieto abbraccio emotivo. 1995, pianeta Hala. La guerra tra Kree e […]

Bandersnatch

Bandersnatch … su Netflix

Cosa mi state facendo? – Sono controllato da qualcuno che viene dal futuro – Ora tutti hanno l’illusione del libero arbitrio – Mandami un segno – Non ho io il controllo. Sono tante, innumerevoli le domande del povero Stefan Butler, giovane programmatore in prova alla Tuckersoft, colosso dei videogiochi pronto a lanciare Bandersnatch. È questo […]

spider-man-un-nuovo-universo1-700x430

Spider-Man: un nuovo universo … al cinema

La luce intorno all’eroe si è modificata, ha assunto nuovi connotati mantenendo la tradizione, la memoria. In un gioco spazio-temporale il nostro, giovane e dagli occhi grandi, manda avanti la sua missione aiutato da ciò che rappresenta il fumetto, un grande viaggio spettacolare creato da Stan Lee nei lontani anni Sessanta. Il giovane Miles non […]

6A4382A1-465D-4889-99C5-B55254BC3CF8

Narcos Messico … prima stagione

Il giorno dopo, mentre smontavano la ruota panoramica, caricavano i cavalli da corsa nei furgoni e i giostrai raccoglievano i loro averi e si allontanavano con le roulotte, Carlotta morì. Presto il piazzale rimase deserto, capanni e edifici furono abbandonati e il terreno rimase cosparso di rifiuti e bottiglie … nessuno rimase lì quando Carlotta […]