Justice League … nei cinema

Justice League … nei cinema

Cinque eroi, cinque brand in quadro per salvare il mondo e dichiarare l’ottima sinergia tra epos e rigore drammaturgico. L’orizzontalità è classica, prevedibile ma gestita ottimamente e la verticalità, la fluidità dei vari mondi che vanno a coordinarsi, è ben strutturata e non concede più di tanto alla retorica. Quando quest’ultima si palesa non percepiamo ridondanza e viviamo lietamente il montaggio lineare.

Mentre Metropolis piange e ricorda Superman, il minaccioso Steppenwolf ha rinvigorito i suoi istinti distruttivi e, dal mondo antico di Apokolips, torna sulla Terra per distruggerla. A Gotham City, Bruce Wayne comprende l’assoluta gravità della situazione e decide di mettere su una squadra, un team di eroi per combattere il nemico ormai alle porte. In soccorso della Terra ci sono Wonder Woman e i metaumani Cyborg, Aquaman e The Flash.

La struttura drammaturgica ruota intorno ad un mcguffin classico, con oggetti del desiderio che diventano agone di contesa per le due parti in campo, i “buoni” da una parte e il “cattivo” dall’altra. Le varie genesi dei cinque eroi fluidificano la prima parte di narrazione, in cui il vero Mercurio, Virgilio del ritmo è Batman/Bruce Wayne, che coordina le regole di ingaggio per la missione. Ogni eroe porta in dote differenti traumi che convergono senza forzature o difficoltà di scrittura nella motivazione cardine. Il montaggio è veloce e lineare e l’attesa dello scontro finale non risulta isolata visto il plot di Superman, che fino alla fine tiene in sospeso azioni e motivazioni. Impastando riferimenti al mondo antico, con Steppenwolf, Wonder Woman, le Amazzoni e Aquaman, al mondo moderno e tecnologico, con Batman, Cyborg e The Flash, e alla summa di entrambi, di fatto Superman, il film crea un patinato e godibile registro epico. Il film presenta infine uno studio mirato e di buona fattura sul versante dei costumi; questi ultimi, seppure confinati nell’angolo della pura estetica, catturano lietamente lo sguardo dello spettatore.

La Warner Bros certifica con questo film il suo potere narrativo e le varie soluzioni stratificate in gioco tra fumetto, tecniche di linguaggio e riferimenti simbolici a stelle e strisce. Batman potrebbe tranquillamente rappresentare Wall Street e la sua finanza, Superman il centro politico di Washington, Wonder Woman le acciaierie di Detroit, Cyborg la Silicon Valley, Aquaman i territori sconfinati dell’Alaska e The Flash le produzioni industriali di Seattle. Un puro entertainment ragionato e ben costruito.

Bosch1

Jheronimus Bosch e un nuovo “occhio partecipe”

Quando, intorno al 1450, nasce Jheronimus Bosch, al secolo Jeroen van Aken, siamo in pieno Rinascimento italiano, quella Wiedergeburt che riuscirà a irradiare, con nuovi stilemi in storia dell’arte, anche in Germania, in Francia, in Inghilterra e nei Paesi Bassi. Proprio dall’Olanda arriva questo grande pittore, precisamente dalla cittadina di Den Bosch, situata al confine […]

Stranger Things2

Stranger Things: seconda stagione

Che fine ha fatto, dove si trova Eleven? In questo nuovo reset la sua detenzione è “morbida” e il passato sembrerebbe finalmente prendere forma. Hawkins rinnova il teatro citazionistico con le coppie di significazione pronte a creare diversi subplot legati alla minaccia, al trauma declinati in chiave sci-fi. I giovani protagonisti stanno crescendo e le […]

Game of Thrones 7

Game of Thrones: settima stagione

Cade per la prima volta la neve a King’s Landig, lo vediamo mentre Jaime consuma il suo “addio” alla leonessa tanto amata; cade anche la parte est di The Wall e si crea quel varco che porta dritto allo scontro finale dell’ottava stagione. Tra missioni suicide, alleanze repentine, enormi balestre, ricongiungimenti sofferti, amori in campo-controcampo, […]

Everything, Everything

Giffoni2017: Everything, Everything

L’amore tra i due giovani sembrerebbe essere ostacolato da una malattia. Quest’ultima condiziona la protagonista ma diventa metafora, allo stesso tempo, del dono dell’immaginazione e della ricchezza della scoperta. Non tutto risulta centrato ma l’andatura è godibile e il messaggio chiaro, pronto per un determinato target. Maddy è una splendida ragazza di diciotto anni, intelligente […]

Gabriele Salvatores

Giffoni2017: Salvatores e lo storytelling

Si presenta con la sua rinomata eleganza e la sua figura sindonica, bizantina il maestro Salvatores durante la conferenza stampa alla Cittadella del Cinema; il nostro racconta dei suoi prossimi progetti e del secondo capitolo di quel Ragazzo invisibile che tanti riscontri positivi ha avuto. Citando Derrida e il concetto di rievocazione, Platone e il […]

CranstonGiffoni

Bryan Cranston ai ragazzi del Giffoni: in sala tutto ciò che provate è vero e giusto

È decisamente lui la stella cometa di questa quarantasettesima edizione del Festival Giffoni, se per stella cometa intendiamo un personaggio luccicante capace di farsi icona per un mondo intero, trasversale ed eterogeneo. Bryan Cranston da Hollywood, o forse dovremmo dire Walter White/Heisenberg da Breaking Bad, ha incontrato una distesa di giovani appassionati nella sala Alberto […]