MoliseCinema 2018: la bellezza del percorso e delle sue declinazioni

MoliseCinema 2018: la bellezza del percorso e delle sue declinazioni

Ora che, dopo aver abbracciato una fetta d’estate, siamo pronti a scoprire le sere d’agosto, ecco che un tema, un’immagine rimbalza nella mente: il percorso. Come sostiene la storia, il percorso è stato cangiante per importanti figure carismatiche, da Cesare e il Rubicone passando per Dante e la sua Selva Oscura, ecco che una linea, una strada, una fetta di spazio da affrontare e vivere sono divenute fascinazione visiva o metafora dei moti dell’anima. Nel nuovo manifesto di MoliseCinema, che si terrà dal sette al dodici agosto a Casacalenda, rimbalzano allo sguardo due miti del cinema italiano: Silvana Mangano e Vittorio Gassmann. La prima, con i capelli raccolti da un fazzoletto e il cappotto avvolgente il suo corpo, osserva un punto lontano con occhi curiosi e disincantati; il secondo, con lo sguardo stupito e carico di emozione, evita il contesto e concentra la sua attenzione sul volto della donna. Osserviamo dunque due sguardi differenti, due percorsi che, in questo scatto, ci riportano ad un’opera che ha fatto la storia del cinema italiano e mondiale, di fatto La Grande Guerra di Mario Monicelli, capace di raccontare il trauma della guerra mediante il genere commedia.

Quest’anno tra i percorsi di MoliseCinema, arrivato alla sua sedicesima edizione, c’è il primo conflitto, in chiave moderna, che ha spazzato via intere generazioni riconfigurando la cartina geopolitica del mondo. Una guerra che aprirà a un secolo di massacri e guerre, citando Réné Dumont, ma anche un conflitto che nasce nel momento in cui il cinema, con Birth of a Nation di David Wark Griffith, si apre al montaggio lineare inaugurando il percorso inarrestabile della settima arte. Nel piccolo borgo di Casacalenda la Grande Guerra sarà un filo tematico importante, con la proiezione dell’opera di Mario Monicelli e la mostra “La Grande Guerra” presso la Galleria Iannucci, che sarà aperta durante tutto il Festival.

Altra linea determinante sarà il focus sul talento, la vita artistica di Elio Germano, attore romano con origini molisane, che sarà ospite del Festival e presenterà il libro “Elio Germano. Corpo, voce e istinto”, una sorta di viaggio carsico nella sua esperienza di attore e performer. A queste due linee tematiche, sotto la direzione artistica del bravo Federico Pommier Vincelli e la perfetta coordinazione di Cristian Ferrao, si aggiungeranno le sezioni che da sempre caratterizzano il DNA di Molise Cinema, di fatto Paesi in corto, Percorsi e Frontiere. Sono queste le sezioni dedicate esclusivamente al cortometraggio, nazionale e internazionale, e al documentario, con opere che, in termini di linguaggio, esperienza visiva e messaggio, arricchiranno quotidianamente il pubblico del Festival.

Un Festival speciale MoliseCinema, che vive il suo iter in modo trasversale e che si produce all’interno di un borgo affascinante che, per circa sette giorni, porta in dote i suoi ritmi lenti per mostrarsi a forestieri amanti delle immagini in movimento, giovani curiosi o intere famiglie in vacanza. Tra gli ospiti ci saranno inoltre gli scrittore Franco Arminio e Antonio Pascale, la giovane attrice Daphne Scoccia e i registi Daniele Costantini, Gianfranco Pannone e Alessandro Piva. Tra le anteprime, nazionali e assolute, di quest’anno ricordiamo The Silent Child di Chris Overton, vincitore dell’Oscar 2018 come miglior cortometraggio e 1968. Uccelli, un assalto al cielo mai raccontato, documentario di Silvio Montanaro e Gianni Ramacciotti e Angeli al Sud di Bruno Colella.

C383DDAE-C736-4567-AF2D-5DD86FA9B809

Serie TV: Patrick Melrose

Nel famoso romanzo “Memorie di Adriano”, la scrittrice francese Marguerite Yourcenar immagina, mediante l’espediente della lettera, la vita di una delle figure più controverse e gloriose dell’epoca imperiale romana. Nella sua confessione, nelle pieghe del ricordo, Adriano ci racconta della sua passione amorosa per il giovinetto Antinoo, quel ragazzo che sconvolgerà lietamente la sua esistenza […]

Dogman

Dogman: il continuo scavo della m.d.p. su Marcello

Marcello è ormai stanco e forse determinato a “divorare”, nella sua testa e fisicamente, l’aguzzino di una vita. Lo capiamo in una sequenza di rara dolcezza, in un’inquadratura fissa di lui, sulla barca, in compagnia della piccola figlioletta. I due hanno appena finito di fare immersione e sono preda di un lungo abbraccio: lui ha […]

77E3A7A6-F556-4844-8162-CF4861A54C27

Loro 1 – 2: identificazione e pulsione di morte in Sorrentino

Il cinema di Paolo Sorrentino ci offre la possibilità di affondare il nostro occhio all’interno della storia d’Italia; i comportamenti e la maschera dell’Andreotti del Divo, le speranze frustrate e il lucido disincanto di Gep Gambardella, i fallimenti autodistruttivi di Tony Pisapia, le castrazioni emotive di Titta Di Girolamo sono particelle, pennellate della realtà culturale, […]

C835ACDC-F2C8-4FF8-B935-89CF4BF13B92

Maria by Callas … nei cinema

Sin dai tempi di Terenzio, il concetto di “figura”, mutuato poi dal medioevo dantesco, ha inciso fortemente sul rapporto dell’essere umano con il dato culturale. La “figura”, simile quanto diversa dall’”allegoria”, si relazione con il prossimo e lo significa, si fa riconoscere legando fenomeno storico e fenomeno simbolico, si allarga divenendo significante e significato. Qui […]

EE626806-494F-4B6B-8E96-62C10D73E5CF

Ready Player One … dal 28 marzo nei cinema

Che Spielberg sia tra i maggiori narratori per immagini in movimento, un regista con visione e rigore, con epos e drammaturgia, è cosa risaputa; in questo caso “incontra” la penna del best-seller Ernest Cline, uno scrittore formatosi con i suoi film, con quella linearità causa-effetto che pulsa entertainment. La sorte particolare dell’uomo resta il topic […]

BFF4857B-2496-4517-A9A8-12FD65BB062E

Oltre la Notte … nei cinema

La storia dell’umanità ha attraversato varie fasi di terrore: dalla ghigliottina di Robespierre ai gulag sovietici, dal sistema religioso medievale agli attentati di matrice islamica. Qui il terrore si vive negli occhi di una donna, nel tema della perdita in gioco tra un quadro simmetrico e una coinvolgente macchina a mano. Amburgo. Katja perde in […]

0B7C926C-1051-459C-BB4F-F65999799AAB

Ore 15:17 Attacco al treno … nei cinema

Trattiamo di una storia realmente accaduta, di un attentato sventato grazie alla prontezza di tre ragazzi americani, in quel momento in viaggio per l’Europa. Il tutto avrebbe potuto avere una diversa profondità, in termini di storytelling e linguaggio. Solo in America direbbe il Duke di Rocky V, solo che in quel caso muscolarità, patriottismo e […]

B8FC2423-1AC7-4918-9A4B-0895CF43DCBE

Tre manifesti a Ebbing, Missouri … nei cinema

Su una strada deserta, in mezzo alla campagna, ecco che tre punti rossi urlano sete di giustizia e di vendetta. La provincia americana sembrerebbe carica di odio e disperazione mentre il talento attoriale dei protagonisti è vivido, esaltato dalla sceneggiatura e capace di sfornare personaggi dalle differenti, inaspettate dimensioni esistenziali. Una commedia nera che induce […]

AB9F5B70-33B7-4DAB-AFD5-0B165629D62A

Daniele Ciprì: il cinema torni alla riflessione in un mondo governato dalle cartoline

Pur essendo giovane, sul dato anagrafico e nello spirito, Daniele Ciprì potrebbe tranquillamente essere il manifesto di una fetta di storia che Eric J. Hobsbawm ha teorizzato donandole il nome di “secolo breve”. Il Novecento, che sia la pellicola piuttosto che la sala cinematografica, che sia Fellini piuttosto che la musica jazz, diventa, per l’autore […]